Brodo di frutta per intestino

Brodo di frutta: la frutta per l’intestino

contro fermentazione, gonfiore e ritenzione idrica

Quanto sono Buone?? Albicocche, angurie, ciliegie, fichi, fragole, melone, pere, pesche, prugne, susine……

Anche tu fai la voglia della bella, buona e colorata frutta? Ricca di preziosa acqua, sali minerali e vitamine che il corpo richiede maggiormente nella stagione estiva e nell’attività sportiva…ma ne temi i nefasti postumi, che spaziano dal gonfiore alla diarrea?!

Da diversi anni aiuto le persone a ricominciare gradualmente a mangiarla, senza soffrirne! La chiave sta nell’intraprendere un percorso di depurazione e disintossicazione dell’intestino. Per questo ti rimando a valutare la pratica del lavaggio dell’intestio chiamata Shanka Prakshalana

Innanzi tutto voglio dirti che la frutta estiva contiene alcuni zuccheri (non solo fruttosio ma anche polioli) che vengono facilmente fermentati a livello intestinale. Probabilmente avrai sentito parlare di questi polioli (anche detti glicoli, o polialcoli)…o di alcuni di essi: i loro nomi spesso finiscono per  –olo: eritritolo, lactitiolo, maltitolo, mannitolo,sorbitolo, xilitolo,  … oppure isomalto

si tratta di “Zuccheri” dalle proprietà osmotiche, ovvero in grado di richiamare acqua nell’intestino, l’effetto lassativo ne è diretta conseguenza, in base anche alla quantità consumata. Di norma questi zuccheri sono “cibo” per i batteri della flora intestinale e solo in caso di squilibrio diventano un problema! 

Infatti, in presenza di flora intestinale equilibrata, ovvero eubiosi intestinale, a livello del colon questi zuccheri “nutrono” i preziosi organismi in grado di purificarlo, antagonizzando tossici vari, ed evitando fenomeni putrefattivi e pertanto patologici. Si è visto che questi polioli contribuiscono anche a formare acidi grassi a catena corta, favorevoli per la salute del colon.

Disbiosi intestinale: come evitarla?

In caso di disbiosi intestinale invece questo non avviene: al contrairo gli zuccheri sono cibo per i batteri fermentativi, putrefattivi, lieviti e funghi, come la candida. Sarà pertanto il caso di procedere gradualmente al riequilibro di questo prezioso organo che è il microbiota intestinale. Da dove cominiciare?

C’è proprio un percorso di desensibilizzazione che passa attraverso il riequilibrio alimentare energetico, durante il quale affianco le persone. Se sei interessato potresti compilare il questionario gratuito di valutazione così da capire se esiste la possibilità di rientrare a far parte di questo protocollo di Salutogenesi. Fai il Test di valutazione , presenta la tua candidatura per accedere ad un percorso di riequilibrio alimentare energetico!

Nel frattempo cosa puoi fare? 

  1. Ridurre le quantità di frutta fino a massimo 3 piccole porzioni di frutta al giorno, distanziandole tra di loro di almeno 3-4 ore;
  2. Evitare più possibile di consumare la frutta subito dopo un pasto che comprenda anche LATTICINI (il lattosio è un altro zucchero che finisce per nutrire i batteri intestinali, creando disturbi in caso di disequilibrio, e l’acidità del latte crea un ambiente favorevole alla fermentazione;
  3. Abbinare alla frutta semi di chia o o frutta secca ricchi di omega 3 ed in grado di rallentare l’assimilazione degli zuccheri a rapido assorbimento, oppure abbinare alimenti proteici come il kefir, che agevoli il senso di sazietà.

il carattariotipo Dominante avrà particolare bisogno di queste “pulizie” profonde in quanto tende a soffrire di disbiosi putrefattiva che a lungo andare può portare a forme tumorali.

Altresì per il carattariotipo Compresso, tendente alla disbiosi fermentative, sarà bene diradarne ulteriormente il consumo, e ricorrere alla cannella aggiunta sia in cottura che spolverizzata una volta impiattata la frutta calda.

Brodo di frutta – Ricetta

Elisir detox ed eccellente ricarica dopo lo sport, ricco di proprietà benefiche!

Semplice è la preparazione del brodo di frutta. Apprestati a fare una ricca macedonia, profumata al benefico cardamomo, che può essere composta di ananas (o a seconda della stagione: arancia, mandarini e melagrana), pera, more, mirtilli, uva, …

Antinfiammatorio e disintossicante l’ananas è naturalmente dolce e rinfrescante, un frutto adatto a tutta la famiglia il cui succo io lo uso anche per tenere contenuta la temperatura corporea in caso di febbre. Ricco di antiossidanti e nutrienti essenziali che migliorano la salute da usarsi con attenzione nelle costituzioni fredde, vedremo comunque l’uso di banana bilanciato dal cardamomo, spezia che unita allo zenzero rende adatta questa ricetta ai caratteriotipi cerebrale e bisognoso. I succo di limone lo rende adatto sia come gustoso aperitivo, da servire con aggiunta di menta e acqua molto frizzante o come spezza voglia di dolce del fine pasto.

More e mirtilli sono frutti che vengono da sempre usati a scopo curativo. Le more sono ricche di vitamine, minerali, fibre alimentari, antiossidanti e antinfiammatorie che svolgono anche una significativa opera antitumorale. Il mirtillo nero, rosso e blu ricco altrettanto di sostanze antiossidanti, amico del cuore e della memoria. I mirtilli, come in generale i frutti rossi, sono ricchissimi di vitamina C, utile per rinforzare i capillari, motivo per cui contribuiscono al buon funzionamento della circolazione sanguigna tanto da prevenire patologie cardiovascolari, proteggere dai tumori e addirittura ritardare il naturale processo di invecchiamento.

La spremuta di limone, zenzero con cardamomo (appartenente alla stessa famiglia di curcuma e zenzero) rende il nostro brodo di frutta un ottimo digestivo. Oltre che nelle bevande (tè al cardamomo), questa spezia si utilizza in molti piatti, sia di carne che dolci, essendo note da millenni le sue proprietà benefiche su diversi organi e apparati del nostro corpo.

Ingredienti per quattro porzioni:

  • 2 limoni
  • 1\2 ananas
  • 1 pera
  • 1 carota
  • 2 maracujá o melagrana o mela o 2 pesche o 2 albicocche.
  • mirtilli
  • more (o 1 grappolo di uva)
  • cardamomo

P.s.: in inverno se si usano arance e mandarini al posto di uva e melone aggiungo anche 2 o 3 cucchiai di miele di castagno!

Preparazione:

semplicemente lavo e sbuccio, poi spremo la frutta come limoni, arance e mandarini il cui succo verso in un tegame con qualche seme di cardamomo pestato. Aggiungo per primi i cubetti di carota e dopo 10 minuti aggiungo il resto della frutta (a dadini come come una macedonia) spegnendo dopo un paio di minuti la fiamma, che uso bassa e giusto per il tempo di scaldare appena la frutta. Ricordiamo che le vitamine si denaturano molto facilmente. Infine, impiatto il brodo di frutta arricchendo con qualche foglia di menta fresca.

Dettagli ricetta

  • Tempo di cottura: 5 min
  • Tempo di preparazione: 15 min
  • Dosi per: 4 persone
  • Difficoltà: Bassa
  • Senza glutine – Senza frutta secca – Senza lattosio