Bacche di Rosa Canina

  • bella fiorita,
  • divertente e facile da riconoscere per la raccolta,
  • elisir di salute da assumere in tisana o come gemmoterapico.

Bellissimi i fiori della rosa canina, di cui la campagna è ricca tra la primavera e l’estate!fiore di rosa canina

Dopo di che, piano a piano i fiori si seccano e cadono per dare spazio, in autunno, ai falsi frutti: le rinomatissime bacche di rosa canina, dal colore rosso acceso che è divertente e gustoso raccogliere insieme ai bambini, a patto che abbiate insegnato loro a rosicchiare solo il falso frutto, ovvero l’involucro esterno della bacca!

Questo perchè all’interno della bacca si trovano i semi ricoperti di piccolissimi ed irritanti peli. Mentre le bacche di rosa canina hanno un sapore molto gradevole, la presenza dei peli richiede l’attenzione sopra descritta, i quanto, l’eventuale ingestione (in grosse quantità) di questi peli provocherebbe irritazione intestinale e diarrea!

bacche di rosa canina mature

Per questo motivo è necessario raccogliere le bacche ed eliminare questi semi pelosi.

In autunno io e la mia famiglia la prepariamo spesso alla mattina a colazione, in tisana. Io amo particolarmente aggiungere, dopo aver filtrato la rosa canina dei pezzetti di mela e zenzero, così da avere una tisana “mangia e bevi”.

Vediamone le proprietà ed i benefici:

Le bacche di rosa canina, sono buone e ricche in proprietà benefiche:

contengono molta vitamina C, superiore a quello degli agrumi: essa aiuta a rafforzare il nostro sistema immunitario e a migliorarne il funzionamento ma che è anche benefica per la pelle. Per beneficiare del contenuto di vitamina C di questo alimento, è bene optare per le bacche di rosa canina fresche. 

Queste belle bacche di colore rosso contengono anche vitamine del gruppo B, in particolare B2 e  vitamina B1, si pestano molto bene pertanto a quei bambini con alimentazione selettiva, ovvero che vorrebbero mangiare solo pasta in bianco e tanti farinacei raffinati. Inoltre troviamo la vitamina K e la vitamina P.

Nelle bacche troviamo anche: tannini, pectine, diversi zuccheri (sorbitolo), acidi organici, polifenoli, bioflavonoidi, antociani, carotenoidi, acido nicotinico e riboflavina.

La medicina popolare ha da sempre utilizzato questo rimedio per:

  • prevenire e curare la tosse, raffreddori e influenza grazie alla presenza di vitamina C nelle bacche fresche;
  • per rinforzare il sistema immunitario ed il corpo quando debilitato;
  • per alleviare i dolori articolari e le infiammazioni;
  • per il benessere delle vie urinarie;
  • per la sua capacità depurativa;
  • per uso esterno, in varie preparazioni possiamo trovare le bacche, ricche in polifenoli per le proprietà astringenti, antinfiammatorie e protettrici dei vasi sanguigni;

Sempre per uso interno voglio ricordare il gemmoterapico derivato dalla rosa canina, sempre molto ricco di vitamina C, e dall’effetto antinfiammatorio a livello delle mucose respiratorie, che potrà essere utilizzato sia in caso di molteplici infezioni respiratorie recidivanti che inserito in un piano di prevenzione,

Gustosa e corroborante la tisana di fiori e bacche di rosa canina, sempre dalle proprietà antinfiammatorie, ci aiuterà a mantenere in equilibrio e in salute il nostro organismo in questo faticoso cambio di stagione.