Allergie e intolleranze alimentari

Intolleranze alimentari, allergie stagionali, o causate dal contatto con prodotti chimici, polveri, acari. L’organismo reagisce con ipersensibilità nei confronti di sostanze normalmente innocue o non significative, facendo rilasciare dal sistema immunitario una sostanza vaso-attiva, l’istamina, la cui funzione è quella di neutralizzare quello che l’organismo recepisce come un "invasore".

E’ proprio questa istamina a causare i noti disturbi quali: aumento di muco, congestione nasale, edemi, che possono causare molto disagio sopratutto nei bambini. Con il test kinesiologico, facendo appello alla autoconoscenza inconscia che si esprime attraverso i muscoli, è possibile identificare i fattori originari di  molte situazioni, e porvi rimedio semplicemente modificando alcune abitudini, o lavorando su alcuni automatismi.

La situazione più frequente riguarda le intolleranze alimentari da eccesso di raffinazione del cibo, e/o per la presenza di sostanze chimiche cui il corpo non si è "assuefatto" (e come dargli torto?:). La stessa celiachia, cioè la intolleranza al glutine, può essere letta anche come una conseguenza della estrema selezione genetica delle farine degli negli ultimi cinquanta anni, attuata tenendo presente esclusivamente l'interesse economico alla produzione. La soluzione a molte intolleranze, una volta identificate, consiste semplicemente nel modificare alcune abitudini quotidiane e bilanciare la dieta, utilizzando cibi più naturalmente completi, biologici, non raffinati, rispettando preparazioni ed abbinamenti specifici.